fbpx

Arrivano i droni porta-pacchi di Amazon: Prime Air in Italia entro il 2024


Entro dicembre 2024 in alcune zone d’Italia sarà possibile scegliere la consegna entro un’ora per via aerea per migliaia di prodotti venduti dal più grande sito di ecommerce del mondo. Durante l’evento “Delivering the future” tenutosi a Seattle, Amazon ha presentato il drone Mk30, un veicolo aereo a decollo verticale che rappresenterà la chiave di volta per espandere fuori dal continente nordamericano il servizio Prime Air. L’innovativo servizio sfrutta i droni Mk27s, progettati da Amazon stessa, per consegnare pacchetti che pesano fino a 2,3 chilogrammi ai clienti americani che hanno estrema urgenza di ricevere gli acquisti. Lanciato alla fine dell’anno scorso in alcune zone della California e del Texas, rappresenta il progetto più ambizioso per un sito di ecommerce: cambiare il modo in cui le merci vengono consegnate, rendendo tutto più veloce e riducendo il traffico in strada.

«Il nostro scopo – dice David Carbon, vicepresidente di Prime Air – è quello di rendere più sicura l’esperienza di acquisto per i nostri clienti. È stato calcolato che ricevere i prodotti tramite il nostro servizio Prime Air è due volte più sicuro rispetto ad avere il cliente che raggiunge in auto un negozio e con i nuovi droni le cose miglioreranno di centinaia di volte».

Il nuovo drone ha un’autonomia doppia, è più silenzioso e vola più velocemente del precedente modello, oltre a garantire un’affidabilità senza precedenti grazie alla sua capacità di restare in aria, o in casi estremi di atterrare in sicurezza, anche in presenza di guasti. Del resto, è progettato per funzionare in Italia e Gran Bretagna, i due Paesi scelti da Amazon come testa di ponte per portare il suo servizio al di qua dell’oceano e che hanno una regolamentazione molto severa. «In Italia – dice Carbon – abbiamo trovato un ambiente eccellente per sviluppare il nostro progetto perché grazie alla presenza di aziende all’avanguardia nell’aerospaziale si trovano persone che hanno la mentalità e le competenze giuste per aiutarci a raggiungere con successo questo traguardo. Inoltre, le autorità competenti si sono dimostrate molto aperte e disponibili a questi nuovi sviluppi, accogliendo con entusiasmo i nostri sforzi».

The new MK30 Prime Air drone at the BFI1 Amazon Fulfillment Center in Sumner, Washington, USA, on Wed., Oct. 11, 2023.

The new MK30 Prime Air drone at the BFI1 Amazon Fulfillment Center in Sumner, Washington, USA, on Wed., Oct. 11, 2023.

Amazon conta di servire sia condomini sia singole case con giardino, soprattutto nei sobborghi delle grandi città, tramite consegna diretta (con il pacco che viene lasciato cadere dal drone da un’altezza di quattro metri) o creazione di piccoli hub di raccolta. Entro la fine del 2024, l’Enac e l’Enav si preoccuperanno di preparare e varare tutti i regolamenti necessari e a completare la certificazione dell’ecosistema di servizi. La macchina organizzativa e operativa è in moto e Enac ha addirittura previsto dei piani alternativi per permettere il lancio del servizio anche in caso di ritardi nelle autorizzazioni dell’ecosistema.