fbpx

Ciampino, il Liceo Volterra trionfa alla Gara dei Droni nella “RomeCup 2024”

Grande soddisfazione per il Liceo Scientifico Statale “Vito Volterra” di Ciampino, che ha trionfato nella gara dei droni alla “RomeCup 2024” (che ha arriso anche al “Vallauri” di Velletri nella Categoria Cobot Handevolution).

Giovedì 21 marzo, presso l’Università degli Studi di Tor Vergata un team dell’istituto Volterra si è infatti classificato al primo posto nel contest DroneBot, che consiste nel pilotare un drone in un ambiente ad ostacoli e nel guidare un rover mediante il drone per portarlo all’interno di un’area designata.

Il team del Liceo Volterra, composto da Aurora e Diego del 4SD, Lorenzo e Leonardo del 4SC, Marco e Matteo del 4SA, ha riscosso consensi ed applausi.

Ai contest hanno partecipato 23 team provenienti da 17 istituti secondari di II grado che hanno lavorato con 11 atenei italiani. Nella giuria della categoria DroneBOT figurano Fabrizio Trombetti, responsabile nazionale UAS, Cri, e Simone Mattogno, studente di dottorato e membro del Tor Vergata Drone Team.
“Ringraziamo Fondazione Mondo Digitale e il prof. Carnevale dell’Università di Tor Vergata per aver organizzato questa competizione e per aver coinvolto e supportato i nostri ragazzi. E ringraziamo naturalmente i nostri studenti per l’impegno profuso nella preparazione della gara”, fanno sapere dal “Volterra”.

“Ricordiamo che il nostro istituto ha ormai una consolidata tradizione nella partecipazione ai contest universitari della RomeCup: i nostri ragazzi hanno vinto il contest Cobot, riservato alle applicazioni robotiche per la riabilitazione, in due passate edizioni: quella del 2018 con Sdegav, un prototipo di un dispositivo robotizzato per il trasbordo da carrozzina ad autoveicolo e quella del 2019 con Volterra Vibrasound, un dispositivo robotico pensato per persone con difficoltà uditive, controllato da un’app che permette all’utente di impostare un timer e produrre vibrazioni ed accensioni di un led.

Inoltre, sempre nel 2019, un nostro team ha vinto il contest Agrobot, riservato alle applicazioni robotiche in agricoltura, con il progetto WeedBuster, che consiste in un dispositivo robotico che distrugge piante infestanti con l’emissione di raggi laser.

Nell’edizione da remoto del 2021 i nostri ragazzi hanno presentato il dispositivo Moby, un kart elettrico pilotabile da una persona disabile, provvisto di adeguati sistemi di frenata e sensori per il calcolo della distanza tra il veicolo ed eventuali ostacoli.

Infine, nell’edizione del 2022, nuovamente in presenza, un nostro team ha presentato il dispositivo robotico iSerra, un prototipo di una serra che si autogestisce attraverso sensori controllati da una scheda Arduino nella quale vengono misurati i parametri fondamentali per la vita delle piante”.