fbpx

EASA lancia la prima versione della piattaforma informativa digitale su droni e aerotaxi – Aviation Report

L’Agenzia dell’Unione Europea per la Sicurezza Aerea (EASA) ha lanciato uno spazio digitale per lo scambio di informazioni su aerotaxi e droni. Ciò creerà trasparenza e quindi rassicurerà i cittadini sul fatto che le loro preoccupazioni sull’introduzione di questi servizi nelle città europee vengono pienamente affrontate.

Il lancio di oggi è il primo passo per connettere i numerosi nuovi partner dell’aviazione che hanno un interesse nella mobilità aerea innovativa“, ha affermato Luc Tytgat, direttore esecutivo ad interim dell’EASA. “Vogliamo dimostrare ai cittadini che l’Europa e l’EASA stanno mettendo in atto tutto il possibile per garantire un’introduzione sicura e sostenibile di questi nuovi velivoli. Potranno scoprire come funzioneranno questi servizi e ottenere rassicurazioni su questioni come il livello di rumore e la sicurezza.

La prima versione dell’Innovative Air Mobility (IAM) Hub consente a città, regioni, autorità nazionali, operatori e produttori che hanno un ruolo nell’introduzione di questi servizi di aerotaxi e droni di connettersi. Possono quindi condividere e ottenere informazioni e dati affidabili.

Questo sarà pubblicato sul sito web dell’EASA in una nuova area del dominio “Droni e mobilità aerea”. Questo dominio contiene anche informazioni complete su come funzioneranno questi servizi. Il progetto è finanziato dalla Commissione Europea e dal Parlamento Europeo. Si tratta dell’azione faro numero 7 della strategia Drone 2.0 della Commissione europea. per consentire un mercato europeo dei droni intelligente e sostenibile.

Ville Lehmuskoski, Direttore esecutivo della Divisione Ambiente Urbano della Città di Helsinki ha affermato: “Lo spazio è la risorsa più limitata nelle città. Con lo spazio aereo possiamo sfruttare una dimensione extra, motivo per cui i droni e la mobilità aerea innovativa hanno un grande potenziale per le città intelligenti. Vogliamo garantire che queste innovazioni portino benefici alla nostra città e ai nostri cittadini. Attraverso l’IAM Hub, stiamo lavorando con l’EASA e tutte le parti interessate per raggiungere questo obiettivo.

Il Direttore Generale ENAC – CAA Italiana – Alessio Quaranta: “È importante sviluppare questo nuovo settore in tutta l’Unione Europea in modo coordinato e interoperabile. Il lancio della piattaforma IAM Hub è uno dei passi in questa direzione, frutto dell’impegno e dello sforzo congiunto delle Istituzioni Europee e degli Stati Membri, con l’obiettivo di coinvolgere cittadini e stakeholder negli sviluppi e nelle nuove possibilità offerte dall’innovativa tecnologia air servizi di mobilità, che consentiranno un aumento della connettività dei territori e dei servizi contribuendo alla realizzazione della doppia transizione verde e digitale.

Il Responsabile rischi e certificazione di Volocopter, Oliver Reinhardt: “L’accettazione da parte del pubblico è fondamentale per portare una nuova forma di mobilità sicura, silenziosa e priva di emissioni nelle città di tutto il mondo. Questo obiettivo può essere raggiunto solo avviando un dialogo aperto e onesto con tutte le parti interessate e dimostrando i vantaggi degli aerotaxi elettrici. Come sviluppatori di aeromobili abbiamo e continuiamo a mostrare voli di prova pubblici per migliorare ulteriormente la comprensione generale di questa nuova tecnologia. Sosteniamo pienamente lo sforzo dell’EASA di connettere tutti i partecipanti all’UAM per garantire trasparenza e generare consapevolezza tra i cittadini e le parti interessate. Come Volocopter, ci assicureremo di condividere nuovi dati rilevanti con l’autorità di regolamentazione per promuovere questo sforzo, soprattutto dopo il lancio commerciale.

Bobby Healy, amministratore delegato di Manna: “Mentre il nostro settore cresce, la trasparenza, le comunicazioni e la formazione sono fondamentali e l’IAM Hub è il motore di tutto. Siamo orgogliosi di aver fatto la nostra parte nel renderlo realtà e non vediamo l’ora di fare la nostra parte per mitigare la crisi climatica, creare posti di lavoro e migliorare la vita suburbana in tutta Europa.

Il concetto di “mobilità aerea innovativa” copre le operazioni con droni e con nuovi tipi di aerei per il trasporto di persone che hanno un design completamente diverso dai familiari aeroplani o elicotteri. Questi sono spesso indicati come taxi aerei. Sia i droni che gli aerotaxi possono essere utilizzati per un’ampia gamma di servizi, compresi servizi per il bene comune, come consegne mediche o trasferimento di medici o pazienti per consentire cure urgenti.

Un sondaggio condotto su 4.000 cittadini organizzato dall’EASA nel novembre 2020 ha mostrato che l’83% dei cittadini europei ha un atteggiamento positivo nei confronti della mobilità aerea innovativa (IAM) e dei servizi con droni e aerei elettrici. Tuttavia, i cittadini hanno anche espresso preoccupazioni in merito alla sicurezza, alla privacy, al rumore e alla sostenibilità, e hanno chiarito che si aspettano che queste vengano affrontate. Questi risultati rappresentano un contributo importante per il lavoro dell’AESA in questo settore.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp